sabato 9 luglio 2011

Come chiamare questo intervento?

Davvero, come chiamare questo intervento?
Mah... il problema di fondo è la distanza con l’ultimo aggiornamento: oltre un anno. Un anno senza aggiornamenti rende un blog, già moribondo, praticamente morto. Correnti d’architettura non fa differenze... resta là, online, ma con solo i suoi pochi interventi del passato. I suoi “indici personalizzati” di Casabella (forse una delle poche cose che erano diventate un appuntamento fisso, e che poi non hanno più avuto ragion d’essere con l’arrivo nel 2010 del blog/sito ufficiale della rivista).
Comunque sia, anche se non più seguito come tre anni fa, ho notato che una manciata di visite al giorno le totalizza. Mi pare giusto lasciarlo a disposizione, finché sarà possibile, con i suoi interventi che qualche curioso di passaggio attirano sempre.
Parlando invece di un eventuale futuro del blog: non ho proprio idea di quando potrò trovare un momento per scrivere qualcosa di originale, di nuovo e interessante. Non sono il tipo che voglia coinvolgersi nella polemica attuale sullo stato dell’architettura in Italia. Polemica che a quanto mi risulta dura da almeno una decina di anni nelle varie riviste e siti (ma davvero non si riesce a parlare d’altro?). Il bravo LPP è impegnato nella creazione di critici dell’architettura (avessi avuto la possibilità avrei partecipato anche io), forse però sarebbe meglio pensare a creare migliori architetti dato che la situazione della didattica nelle università italiane (tolte quelle solite due o tre) è assolutamente disastrosa.
Quindi a fare interventi che parlano esclusivamente di quello che va male, seguendo la moda di molti blog, non mi ci vedo proprio.
Altro problema è che sarei rimasto praticamente solo a seguirlo. I vecchi amici collaboratori sono praticamente scomparsi. Alcuni tengono famiglia, altri si sono dati a lavori diversi, lontani dall’architettura.
Ovviamente seguo diversi blog a tema. Per esempio mi piace leggere gli interventi di Emanuele su http://piliaemmanuele.wordpress.com/, o di Pietro Pagliardini su De architettura. Seguo molto volentieri il lavoro di Salvatore D'Agostino su Wilfing (a cui debbo delle scuse con molto ritardo, visto che non sono mai riuscito a rispondere alla sua indagine di due estati fa; eppure la risposta l’avevo scritta, ho ancora la bozza da qualche parte: solo non ricordo più perché non la inviai) ed tanti altri che non cito per non trasformare in un elenco questo breve intervento.
Un saluto a tutti quelli che passano ancora da queste parti ed un augurio di rileggerci presto.

Joystar

PS: chissà... magari aver scritto queste righe mi convincerà a trovare qualche momento per scrivere qualcosa di nuovo.

1 commento:

  1. Ciao Joystar,
    aspetto la tua mail OLTRE IL SENSO DEL LUOGO sa aspettare i ritardatari :-)
    Saluti,
    Salvatore D’Agostino

    P.S.: Condivido questo tuo pensiero "Quindi a fare interventi che parlano esclusivamente di quello che va male, seguendo la moda di molti blog, non mi ci vedo proprio" al prossimo tuo post.

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento su Correnti d'architettura. Joystar